Brexit: cosa cambia per l'Ecommerce
Blog SellRapido

Brexit: cosa cambia per l'Ecommerce

  • Mondo Ecommerce
  • 29/01/2021
Brexit: regole per vendere su amazon e su ecommerce

Dal 1 Gennaio 2021 si è conclusa la transizione Brexit: il Regno Unito è uscito a tutti gli effetti dall’Unione Europea. Chi intende vendere online in UK dovrà regolamentare la sua posizione. Vediamo insieme cosa cambia e come SellRapido viene incontro alle tue esigenze di venditore professionista. 

In virtù degli accordi Brexit, non si potrà più beneficiare della libera circolazione delle merci europee sul suolo del Regno Unito. Gli organi europei e inglesi hanno stipulato un accordo per l’import/export che non prevede un ricarico sulle merci, ma saranno previsti dazi doganali e controlli alle frontiere. 

Le nuove disposizioni per chi vende online in UK, riguardano anche il regime fiscale ai fini IVA, considerando il valore della spedizione e il canale di vendita. Ovviamente, per l'Irlanda saranno previsti cambiamenti. 


Brexit: quando si pagano la dogana e l’Iva

Per quanto riguarda i dazi doganali, il pagamento è previsto per ogni transazione superiore alle 135 sterline (147 euro circa). Questo significa che agli ordini di valore inferiore non saranno applicati i costi doganali. 

Per tutte le vendite B2C con importo inferiore a £ 135, il venditore dovrà pagare l’IVA all’HMR, l’agenzia delle entrate britanniche e deve registrarsi su un portale governativo che ti fornirà un numero EORI che consente di eseguire procedure di sdoganamento a distanza.

Successivamente devi verificare se i prodotti che intendi esportare richiedono licenze o certificati speciali. Particolare attenzione viene data ai prodotti alimentari e deperibili.

Questo portale verrà utilizzato anche per il pagamento dell’IVA britannica. Calcola che, in ogni caso, sarà necessario ai fini IVA in UK. Se non vuoi gestire tutto in autonomia, potrai assumere un rappresentante fiscale necessariamente con residenza in UK.


Vediamo dei casi specifici nel dettaglio:  
Vendite inferiori alle 135 sterline con spedizione in UK
Per tutte le vendite inferiori a  £ 135 effettuate tramite un tuo sito  ecommerce:
  • Non saranno applicati dazi doganali 
  • Bisognerà registrarsi ai fini IVA in UK, dichiarare e versare i contributi ogni 3 mesi 

Se non hai ancora un tuo sito ecommerce, ma stai meditando di aprirne uno e sei alla ricerca di una soluzione che possa garantirti massima efficienza in termini di prestazioni e velocità, la piattaforma SellRapido Ecommerce può essere la soluzione per te, garantendoti la possibilità di gestire listini con diverse migliaia di prodotti senza rallentamenti e permettendoti di sincronizzarli in contemporanea su marketplace e comparatori di prezzo. 

Per quanto riguarda, invece, le vendite inferiori a 135 sterline effettuate tramite  Marketplace (Amazon, eBay, Aliexpress, etc..):
  • Non saranno applicati dazi doganali
  • Dovrai registrarti ai fini IVA in UK, ma questa sarà riscossa e versata ogni tre mesi direttamente dal marketplace, tu dovrai solo presentare le dichiarazioni.



Vendite superiori alle 135 sterline con spedizione in UK
Per le transazioni con importo superiore a 135 sterline saranno sempre applicati i dazi doganali e l’IVA, sia che tu stia vendendo su un marketplace che su un ecommerce.

In virtù di ciò, si può decidere se: 
  • Mostrare il prezzo di vendita comprensivo di dazi doganali e IVA
  • Non mostrare o dazi doganali e IVA nel prezzo di vendita, caricando la responsabilità del pagamento sul destinatario.



Vendere con Amazon dopo la Brexit 

Per vendere in Europa, come anche in UK prima di Brexit, Amazon mette a disposizione diverse opzioni: l’EFN, anche detto European Fulfillment Network, e il sistema FBA paneuropeo. 

Il network di Amazon EFN consente di mantenere la merce nel tuo paese e riscuote gli oneri di spedizione in caso di vendita internazionale. E’ una soluzione valida solo se sono coinvolti due paesi dell’Eurozona.

L’FBA paneuropeo, invece, permette di stoccare la merce in diversi paesi europei, ma Amazon gestisce e sposta la merce in base alle richieste dei clienti. Adoperabile solo nell’Eurozona e solo se si possiede una partita IVA nei paesi in cui verrà spedita la merce. 

Dal 1 gennaio 2021, queste soluzioni non sono più valide per vendere online nel  Regno Unito. 


Nel caso in cui il mercato UK rappresenti per te uno scenario irrinunciabile, tanto da voler vendere sfruttando la logistica di Amazon, dovrai spedire e stoccare la tua merce in un magazzino del Regno Unito. 

I tuoi inventari diventeranno, quindi, due: uno europeo e l’altro UK.
Ti sarà possibile continuare a utilizzare lo stesso SKU per i prodotti UK e EU per le spedizioni, verranno trattati come 2 inventari separati.

 E’ necessario registrarsi ai fini IVA in UK  per:

  • Essere rimborsato delle spese dell’IVA (applicata per importare e stoccare i prodotti nel magazzino Amazon)
  • Dichiarare le tue vendite su base trimestrale (se vendi ai consumatori) così Amazon si occuperà del versamento dell’IVA

  • Dichiarare e versare personalmente le spese relative all’IVA (se vendi ad imprese nel Regno Unito) 


Amazon gestisce numerosi marketplace online a livello internazionale, suddivisi in quattro macro-regioni: Europa, America settentrionale (USA, Canada, Messico), Asia (Giappone, Australia e Singapore aperti a tutti. Cina e India dedicato unicamente ai seller residenti nel paese) e Medio Oriente e Nord Africa (con i 2 marketplace di Souq e Regno dell'Arabia). Per altri spunti ti invitiamo a leggere anche il nostro articolo su come vendere con Amazon all’estero

Sia che tu sia deciso a continuare a vendere su Amazon UK, sia che tu voglia esplorare nuovi mercati (europei e non solo), SellRapido Manager ti permette di automatizzare tutti i processi di pre e post vendita, diversificando i canali in pochi click. 


Marketplace internazionali di Amazon: pubblica i tuoi prodotti in pochi click


SellRapido Manager ti permette di sincronizzare i tuoi listini da una sola interfaccia sui seguenti paesi, gestendone le variabili di prezzo:

  1. Amazon Italy
  2. Amazon France
  3. Amazon UK
  4. Amazon Germany
  5. Amazon Spain
  6. Amazon USA
  7. Amazon Canada
  8. Amazon Japan
  9. Amazon Mexico
  10. Amazon United Arab Emirates
  11. Amazon Turkish
  12. Amazon Netherlands
  13. Amazon Australia
  14. Amazon Svezia

Con la conversione automatica delle valute di SellRapido, gestisci in modo ottimizzato la pubblicazione dei prezzi sui mercati con moneta differente dall'Euro.


Altre informazioni utili per chi vende online dopo la Brexit

Nonostante i vantaggi che il mercato inglese potrebbe riservare alla tua attività online, è comprensibile essere scoraggiati da tutte le limitazioni e gli adempimenti burocratici. I piccoli venditori potrebbero essere scoraggiati anche dalle nuove spese necessarie per assumere un consulente fiscale esperto. Se vuoi espanderti online e aumentare le tue entrate puoi considerare altri mercati (come quello svedese, recentemente aggiunto) che ti farebbero guadagnare molto, sfruttando margini di guadagno più ampi.

Anche se la vendita dei tuoi prodotti non prevede dazi doganali per acquisti inferiori alle 135 sterline, bisognerà tenere in considerazione eventuali rallentamenti dei pacchi dovuti ai controlli di routine alla frontiera. 

Altra questione da non sottovalutare è quella dei resi. I venditori professionisti non possono fronteggiarne troppi, poiché questi rappresentano una sostanziale perdita economica. Vedersi recapitare un reso dopo la Brexit significa anche poter andare incontro alle spese doganali per la restituzione della merce.

Anche per chi vende in dropshipping, i resi rappresentano una vera minaccia e vanno limitati. Il primo passo da compiere è affidarsi a listini di qualità.
Se non sai da dove partire, SellRapido Drop è un catalogo dropshipping che ti garantisce fornitori verificati, spedizioni veloci in Italia ed Europa, prodotti di qualità.

Questi 3 fattori per te si traducono in una ottimizzazione del lavoro, meno resi, soddisfazione dei clienti e quindi feedback positivi.



Conclusione 

La Brexit obbliga i seller internazionali a rivedere le proprie strategie di vendita sul mercato UK per non andare in perdita. Ti ricordiamo di fare sempre riferimento al tuo consulente fiscale per ottenere informazioni dettagliate e la migliore strategia da adottare. Sicuramente sarà molto interessante valutare l’evoluzione della situazione tra qualche mese, ma i consumatori britannici sicuramente cambieranno le loro abitudini orientandosi maggiormente verso il mercato interno, mentre i seller europei modificheranno il loro interesse nei confronti del mercato UK, in base alle potenzialità di investimento per coprire i costi necessari ad adeguarsi alla nuova regolamentazione fiscale.

Sia che tu stia cercando un modo per iniziare a vendere da zero, sia che tu abbia già un’attività ecommerce attiva, con SellRapido troverai fantastiche opportunità per veder realizzati i tuoi obiettivi imprenditoriali.




Vuoi espandere le tue vendite ecommerce all'estero?
Siamo a tua disposizione per una consulenza gratuita su come sincronizzare facilmente un tuo catalogo sui principali marketplace e come trovare i fornitori più adatti alle tue necessità.

Prenota una consulenza gratuita


Vuoi caricare i tuoi prodotti e gestire subito i tuoi listini in modo semplice Amazon e siti ecommerce?

ATTIVA LA DEMO GRATUITA DI SELLRAPIDO

Potrai iniziare immediatamente a vendere sui marketplace in Italia e all'estero, senza limitazioni nel numero di prodotti o listini gestibili, sincronizzando anche il tuo sito ecommerce. Tutto da una sola interfaccia.



Articoli correlati